Il corso Biennale di Recitazione prepara artisti completi insegnando loro ad essere pronti ad affrontare ogni stile recitativo.

L’allievo alla fine dei due anni accademici è in grado di interpretare un personaggio in modo veritiero, naturale e credibile attraverso l’apprendimento delle più famose tecniche di Recitazione come il metodo Strasberg, Maisner, Stanislavskij. Particolare attenzione viene dedicata all’improvvisazione, allo studio del personaggio, allo studio delle emozioni, con esercizi sensoriali e vibrazionali.

500 ore
1° Anno
500 ore
2° Anno
4 ore al giorno
LUNEDI | VENERDI

Contattaci ora
per ricevere informazioni

Testimonianze Allievi

Frequentare questo corso è stata per me un’esperienza unica che mi ha arricchito molto! Ho scoperto lati di me che non conoscevo, un potenziale che non credevo di possedere ed oltre alla professionalità e al talento nell’insegnamento questo corso mi ha regalato la possibilità di conoscere persone meravigliose, vere.
Rossella Vitolo
In Action Academy sono presenti insegnanti di altissimo livello, con i quali ogni studente può relazionarsi facilmente. Più nello specifico, il corso di recitazione è un percorso di grandissima crescita personale e professionale al quale chiunque può partecipare, non soltanto chi sogna di recitare.
Matteo Camarca
Il corso di recitazione si è rivelato per me fondamentale sotto vari punti di vista. Mi ha indotto ad assumere maggior consapevolezza delle mia persona e delle mie qualità, mi ha aiutato a sconfiggere la timidezza e soprattutto mi ha incitato a mettermi in gioco cercando di dare il mio massimo.
Lorenzo Calvani

Programma Corso

L’allievo, grazie alle lezioni di Dizione, impara la corretta emissione dei singoli suoni dell’italiano parlato e sviluppa la capacità di esprimersi chiaramente e senza ostacoli. Vengono insegnati i fondamentali della respirazione e viene fatto uno studio approfondito delle tecniche vocali.

 

Le lezioni di Movimento scenico sviluppano le relazioni creative ed efficaci dell’allievo, nello spazio, rapportandosi alla gravità, all’energia, alla musica, al respiro, all’immaginazione. Vengono esplorati tutti gli aspetti del gesto consapevole ed inconsapevole, ampliando il vocabolario gestuale, ed eliminando eventuali abitudini ripetitive.

 

Le lezioni dedicate al Musical vertono verso lo studio delle abilità peculiari dell’artista di Musical Theatre (comunemente definito performer). Un percorso completo e utile a creare quel team che in teatro si identifica con il nome di compagnia. Tutto questo rivela all’allievo, in breve tempo, una nuova consapevolezza dello strumento voce ed un uso del corpo utile a sostenere una performance.

 

In Accademia è presente uno psicologo, che coordina alcuni gruppi di studio. Lo scopo del corso è quello di far conoscere e far apprendere, attraverso un percorso mirato, gli strumenti e la metodologia della Psicologia cognitivo-comportamentale, riconosciuta a livello internazionale come uno dei modelli più affidabili ed efficaci per comprendere la mente umana e il suo funzionamento. Il fine ultimo è quello di arricchire la formazione al lavoro d’attore armonizzando la conoscenza dei suoi meccanismi emotivi e cognitivi che muovono la recitazione e la rappresentazione stessa del personaggio. Una delle caratteristiche dell’attore è la sua abilità nel capire le emozioni di un personaggio. Il percorso mira a sviluppare un’autentica autostima, per raggiungere una crescita completa ed un equilibrio personale ed interpersonale e sbloccare il suo potenziale.

 

Importante è l’approccio dell’allievo con la macchina da presa che ha una grande importanza nel piano didattico dell’Accademia. Acting on Camera insegna la conoscenza di tutte le terminologie tecniche e delle regole, per apparire di fronte alla MdP in modo del tutto naturale e realistico. Recitare davanti alla macchina da presa aiuta l’allievo anche a comprendere i propri errori e migliorarsi.

 

Acting in English lavora su due binari: quello della recitazione tout court, che fa uso della tecnica Meisner e quello della recitazione in lingua inglese che oggi viene molto richiesta sul mercato grazie alle innumerevoli produzioni internazionali che si appoggiano al nostro paese.

 

Il Doppiaggio, è una materia che si studia a partire dal secondo anno, dove l’allievo ha già familiarizzato con la tecnica delle altre materie, acquisendo, quindi, una maggior consapevolezza artistica. Nei due anni di accademia si studia Storia del Cinema attraverso l’analisi storica e monografica delle correnti e dei registi più significativi del panorama italiano ed internazionale. Vengono approfonditi gli stili e le tendenze cinematografiche attraverso la critica, la visione e l’analisi dei film e dei personaggi che hanno fatto il cinema.

 

L’accademia si avvale di un’area Management. L’agente preposto segue gli allievi nella loro crescita durante il biennio, valutandone le capacità interpretative e i miglioramenti nello studio.  Gli alunni idonei hanno la possibilità di incontrare i più importanti casting director del panorama cinematografico e televisivo, avendo così la possibilità di farsi conoscere e di partecipare ad eventuali provini. La partecipazione ai provini viene valutata in basa al rendimento accademico.

 

Alla fine di ogni anno accademico l’allievo ha la possibilità di partecipare ai corti realizzati dai colleghi del corso di Creatività & Produzione.

I cortometraggi vengono poi presentati all’interno degli Antinoo Awards, la cerimonia organizzata da Action Academy. I Premi Antinoo vengono assegnati per la Televisione, per il Cinema e per la Fiction, a personalità illustri che si sono distinte per qualità e impegno nella loro vita professionale. Il Premio Antinoo nasce dalla volontà di gratificare i giovani che studiano e lavorano nel mondo del Cinema e della Televisione, dandogli così visibilità ed una spinta propulsiva per il futuro della loro carriera.

Docenti Corso

1° Anno Materie

 Recitazione (Paula Boschi / Aglaia Mora)

Il primo anno si concentra sulla conoscenza dei propri limiti e sul superamento di essi, mediante esercizi di gruppo e singoli. Grande spazio viene dato sia all’improvvisazione che a  percorsi emozionali. Oltre all’insegnamento di metodi attoriali dei grandi maestri (Strasberg, Stanislavskij) viene perfezionato il metodo Meisner. Tecnica che permette di agire e apparire come persone reali piuttosto che come attori, lavorando sulle famoso “The Repetition Exercise”. L’allievo impara ad essere presente nel “qui ed ora” e a reagire alle circostanze ed emozioni sottese alle parole, fino ad arrivare a quelle che vengono chiamate “attività indipendenti”.

 

 Dizione  (Maria Letizia Gorga)

Nozioni di anatomia specifiche della materia, tecniche per l’emissione della voce. Individuazione delle dislalie e correzione delle stesse.  L’allievo acquisisce le conoscenze didattiche per l’uso corretto della lingua italiana parlata. Eliminando vizi di cadenza e di dizione errata.

 

 Movimento scenico  (Francesca Sani)

Il focus è sulla conoscenza e la consapevolezza dell’allievo nel movimento.  Riconoscere ed imparare a liberarsi delle tensioni cambiando le abitudini che interferiscono con l’uso libero del proprio corpo. Vengono sviluppate le relazioni nello spazio attraverso esercizi di gruppo mirati ad esplorare gli aspetti dei gesti restando in una verità emotiva.  Nel programma sono inserite: tecniche di rilassamento, tecniche di potenziamento e allungamento muscolare, gestualità e tecnica della postura, conoscenza del corpo e analisi del movimento durante l’azione.

 

 Musical  (Alberta Izzo)

Si lavora sugli aspetti basilari e formativi delle tre discipline, canto, danza e recitazione per poi fondere il tutto in un’unica performance. Oltre a lavorare sull’energia si punta ad ottenere una maggiore consapevolezza del proprio corpo senza mai trascurare l’importanza di una corretta e sana  produzione vocale.

 

 Storia del cinema  (Giulio Vicinelli)

Il programma della prima annualità copre il periodo dalle “Origini (1895) sino agli anni cinquanta”. Ogni lezione è impostata sul modello visione critica+lezione frontale. Cineforum e discussione sul film.

 

 Acting on camera  (Daniele Falleri)

L’allievo sarà in grado di acquisire l’ “ABC” del linguaggio cinematografico attraverso lo studio della sintassi e attraverso le tecniche utilizzate per la realizzazione di un’opera filmica. L’attore è in grado di percepire lo spazio scenico del set, attraverso i campi e i piani dei differenti obiettivi della cinepresa; studia una metodologia per gestire i propri movimenti (linguaggio del corpo) sui campi larghi e dosare la micro mimica sui piani stretti.

Si acquisiscono i metodi per rispettare i “segni” sul set per evitare di essere fuori fuoco, out-light, o non perfettamente bilanciato nell’inquadratura.

2° Anno Materie

Recitazione (Paula Boschi / Aglaia Mora)

Il secondo anno, è dedicato alla tecnica dell’apprendimento della memoria e alle  differenti fasi di lavoro su come abitare le parole in relazione con il partner. L’allievo lavora sul personaggio, sul suo arco narrativo, sulla sua costruzione, sulla back story, raffinando la tecnica in un lavoro condiviso con la macchina da presa.

 

 Dizione  (Maria Letizia Gorga)

L’allievo deve aver tolto qualsiasi difetto di cadenza e pronuncia. Viene introdotto lo studio della metrica nei versi e il ritmo (giambico, dattilico, anapestico) insegnando all’allievo lo studio della poesia e lo studio della recitazione in versi.

 Movimento scenico  (Francesca Sani)

Aumentare la capacità di resistenza del corpo; sviluppare il coordinamento fisico e la naturalezza; coordinare il movimento con il respiro per raggiungere un’espressione fisica naturale in perfetta simmetria con istinti ed emozioni. Esplorazione dei vari caratteri fisici. Un laboratorio corporeo che si concentra sullo sviluppo e l’arricchimento di un vocabolario fisicamente espressivo utilizzando testi e risorse individuali immaginative. Utilizzando esercizi e abilità apprese durante il primo anno, gli studenti strutturano una procedura di riscaldamento che consente forte connessione con un partner e con il gruppo. Il tutto per creare un bagaglio persistente che permetta all’allievo di prepararsi per ogni eventuale ruolo.

 Musical  (Alberta Izzo)

Le lezioni puntano a consolidare la fusione tra le tre discipline (canto, danza e recitazione) e l’allievo può approfondire le tecniche apprese su un vero copione dove la partitura fisica, la coreografia e l’interpretazione, diventano gli unici mezzi utili a rendere una performance qualcosa di più che un semplice esercizio estetico.

 Storia del cinema  (Giulio Vicinelli)

Il programma riprende dagli “Anni cinquanta sino alla contemporaneità.”  Introduzione della video-essay, brevi film didattico-espositivi, su argomenti specifici che  impongono allo studente di esprimere le proprie competenze a riguardo in forma audiovisiva.

 Acting on camera  (Daniele Falleri)

Nel secondo anno, l’allievo mette a frutto la propria esperienza acquisita mediante prove pratiche di set. L’alunno è portato a recitare con partners reali sulla scena e virtuali attraverso il chroma-key.

 

 Doppiaggio  (Elena Bianca)

L’allievo ha la possibilità di mettere alla prova le sue capacità interpretative e vocali, cimentandosi nel doppiaggio di personaggi di serie tv famose, cartoni animati, sit-com, documentari e film. Attraverso il fondamentale apprendimento della tecnica, necessario per l’approccio al doppiaggio, è in grado di mettersi nei panni dei vari interpreti di altre nazionalità e lingue, restituendone il più possibile in italiano, le stesse intenzioni recitative e la giusta carica emozionale. La comprensione del testo scritto, l’ascolto e la visione attenta della versione originale, le ripetute prove al microfono delle singole scene, l’incisione finale e il riascolto, sono le basi tecniche necessarie ad ogni allievo, affinché possa imparare sempre meglio, la difficile arte del doppiaggio.

Contattaci ora
per ricevere informazioni

PAULA BOSCHI
Recitazione

Ha studiato alla Civica Scuola d’Arte Drammatica Piccolo Teatro di Milano e ha perfezionato i suoi studi all’UCLA di Los Angeles. Cinematography, Visualization and Exposure, Concentration in Cinematography, Screenwriting, Writers’ program, Broadcasting and network (Extention Building).


Stage (sensoriali, acting, regia) presso l’Actor Studio West con Marc Rydell. Stage (acting e improvvisazione) presso l’Actor Studio West con Susan Peretz. Lavora a Milano con la compagnia Immagine Riflessa, dove figura tra uno dei fondatori. Dopo aver avuto la fortuna di lavorare con attori del calibro di Carmelo Bene, scopre la passione lavorare dietro le quinte. Si dedica quindi alla scrittura e alla regia prima come action coach su numerosi set poi come aiuto.


Lavora con registi come Ferdinando Vicentini Orgnani nella produzione del docufition “Sessantotto l’utopia della realtà” con Andrea Papini nel film “La velocità della luce”, con Massimo Lozzi nel film denucia “Altro Mondo”. Nel 2000 inizia la sua collaborazione con la San Marco società di produzione di Raoul Bova e Chiara Giordano. Con loro realizza molti progetti tra cui curia la direzione artistica del film “Fifteen seconds” ed è aiuto regista di Roberto Burchielli per il film “Sbirri”, action coach e assistente alla regia sul set di “Come un delfino” tutti prodotti ed interpretati da Raoul Bova.


Nel 2001 dirige il suo primo mediometrggio che partecipa a numerosi festival e, con il quale, vince numerosi premi, firma la regia dello spot “Fibrosi Cistica” assieme a Raoul Bova, e sempre con lui firma la sceneggiatura di “Graffiti.” Ha diretto “Da uno a dieci” lavoro filmico sul tumore neuredocrino. Dirige per Albertazzi la regia televisiva produzione Rai di “ Canti dell’Inferno” e dirige sempre con Albertazzi il docufiction “Ritratto d’artista” prodotto da Rai –Eri. Il lavoro con Bova la porta a ideare scrivere e sceneggiare “Come un delfino – la serie”, assieme allo stesso Raoul Bova, Stefano Reali, e Mazzara. Scrive il film “Come saltano i pesci” con la regia di Alessandro Valori. Con lo stesso regista firma numerosi medio e corto metraggi. Attualmente sta lavorando con Maria Grazia Cuccinotta alla scrittura e alla regia della serie “Teen”.

 

AGLAIA MORA
Recitazione - Acting in english

Si diploma alla scuola dell’INDA nel 1996

Studia in America come attrice la tecnica Meisner con Wendy Ward e si sta diplomando come insegnante Meisner con Larry Silverberg. Ha seguito numerosi laboratori con : True Acting Institute with Larry Silverberg, Meisner Technique con Wendy Ward (NYC), Claudio Collovà, Lucia Latour, Ketty Russo, Thomas Bischoff, Stefania De Santis, Romeo Castellucci, Massimiliano Civica; Claudio Morganti, Antonio Latella.


TEATRO

CINEMA & SHORTS

TELEVISIONE

MARIA LETIZIA GORGA
Dizione e Poetica

Attrice e cantante, laureata in Lettere con Lode presso l’Università di Roma La Sapienza con una tesi su Gatta Cenerentola di G.B.Basile e diplomata presso la Scuola Internazionale dell’Attore diretta da Alessandro Fersen, si specializza alla Scuola drammatica di Mosca con il Maestro Anatolj Vassiliev, con cui lavora in Italia e in Russia dal 1990,con un progetto su Ciascuno a suo modo di L.Pirandello.

Ha studiato voce e canto con i maestri: G. De Amicis-Roca, G. Jurova, T. Carcavallo e S. Molik.


Ha lavorato sull’interpretazione e la diffusione della Poesia con Achille Millo, Elio Pecora, Edoardo Sanguineti, il M° Fausto Razzi, la regista Federica Altieri per i Sentieri della poesia, l’Einaudi e il festival Mediterranea diretto da F.Bettini, e per l’Odin Teatret.

Ha realizzato il dvd “Avec le temps, Dalida” e il cd “Viaggio intimo con Mercedes Sosa” tratti dagli omonimi spettacoli,distribuiti dalla CNI,Compagnia Nuove Indye. Quest’ultimo è stato anche presentato ai Concerti del Quirinale.

Ha composto ed interpretato per il Macerata Opera Festival “Mediterranea,onde sonore” melologo per voce ed archi musicato e diretto dal Maestro Cinzia Pennesi e da Carla Magnan, Carla Rebora e Roberta Vacca.


Ha inciso il disco de “La Cantata dei Pastori” di Peppe Barra e del “Decamerone” di Renato Giordano, entrambi con le musiche originali di Lino Cannavacciuolo. Nel disco Satyricon canta i brani di Mario Rivera e Gabriele Coen.

E’ nel film Youth di Paolo Sorrentino e nella sua colonna sonora con il brano “A ma maniere” di P.Sevran.

In teatro è diretta da Vassiliev, De Simone, Albertazzi, Scaparro, Barra, Micol, Ammendola, Sepe, Russo, Pesce, Giordano, Pedroni, Giorgetti, La Manna, Gazzara, Tamburi, Prosperi, Belli, Piccoli, Lombardo Radice, Pera Tantina de La Fura dels Baus, etc.


In cinema e in televisione è stata diretta da Ammendola e Pistoia, Laudadio, Balducci, Izzo, Odorisio, Terracciano, Ponzi, Rocco, Parisi, Graffeo e Manni, Pingitore, Colabona, Mercalli, Inturri, Sorrentino, etc.

Nel 1995 viene premiata come migliore attrice protagonista al festival di Fondi per lo spettacolo “Controfigura” con Franco Castellano.

Unisce da anni alla sua professione di attrice quella d’insegnante di dizione ed educazione della voce presso prestigiose Accademie ed università.

DANIELE FALLERI
Acting on camera

Il corso di studi si propone di fornire agli studenti i necessari strumenti tecnici per affrontare professionalmente la recitazione davanti alla macchina da presa.
I temi e le esercitazioni avranno un percorso di progressiva complessità e approfondimento suddiviso in due anni.
I principali temi trattati saranno:
• Analisi della scena ed esercitazioni pratiche di acting-on-camera (1° livello)
• Analisi al monitor delle scene girate con individuazione e correzione degli errori (1° livello)
• Conoscenza ed esigenze delle diverse inquadrature
• Come muoversi nel campo d’azione: posizioni e limiti
• Come dosare la propria energia davanti alla telecamera: mimica e voce
• Cosa significa (e come applicare) la regola del ‘less-is-more’
• Recitazione non-verbale: piani d’ascolto, consapevolezza della propria espressività, body-language (1° livello)
• Differenze ed analogie fra recitazione teatrale e cinematografica
• Studio dei vari generi cinematografici (drama, thriller, comedy, fantasy) e conseguenti influenze sulla recitazione

2° anno
Durante il secondo anno si affrontano i seguenti argomenti:
• Analisi della scena ed esercitazioni pratiche di acting-on-camera (2° livello)
• Analisi al monitor delle scene girate con individuazione e correzione degli errori (2° livello)
• Recitazione non-verbale: piani d’ascolto, consapevolezza della propria espressività, body-language (2° livello)
• Studio dei processi lavorativi del set e del backstage durante le riprese di un film
• Come prepararsi alla scena: dalla propria camera al camerino
• Come ripetere movimenti ed emozioni identici e spontanei ad ogni ciak
• Come concentrarsi nel caos apparente del set
• Come scindere l’utile dal superfluo: le priorità sul set
• Come comportarsi sul set: dal pick-up all’ultimo ciak
• Provini: cosa fare e cosa assolutamente non fare

ELENA BIANCA
Doppiaggio

Nata a Milano nel 1965 si forma come attrice e doppiatrice, dopo il diploma all’ISEF, presso il CTA, Centro Teatro Attivo di via Savona, 10 a Milano, dal 1988 al 1992.

Dopo le prime esperienze in teatro, pubblicità e fiction a Milano, viene stata scelta in qualità di ‘ragazza meteo’ da Telepiù (prima emittente satellitare italiana) per il ‘Canale Meteo’, con sede a Londra, ove si trasferisce per quasi due anni (1997-’98), registrando in differita tutti i giorni, le previsioni meteorologiche trasmesse in Italia dalla ‘Weater Channel’ e comparendo in video.


Dalla fine del 1998 ad oggi vive a Roma e lavora come doppiatrice e speaker professionista presso la maggior parte di società di doppiaggio ed edizione presenti nella capitale, per la RAI, LA7 e Mediaset,  ‘prestando’ la sua voce a numerose attrici tra cui: Angela Bassett, Marcia Gay Harden,  Allison Janney, Lisa Edelstein e tante altre.

GIULIO VICINELLI
Storia del Cinema

Giornalista critico cinematografico.

Responsabile di sezione

Uzak-Cose Mai Viste, trimestrale on line di cultura cinematografica Uzak

cura dei contenuti della sezione Screamadelica, scrittura di articoli di critica, approfondimenti specialistici, recensioni e interviste
(Attivita o settore critica cinematografica, analisi filmica e audiovisuale). Collaboratore critico cinematografico

Il Manifesto (Il Nuovo Manifesto soc. coop. Editrice-via Angelo Bargoni, 8/b – 00153 – Roma)

Scrittura di articoli di critica cinematografica e interviste per la sezione Ultravista di Alias\Il Manifesto
(Attività o settore giornalismo cinematografico, critica). Collaboratore redazionale-video maker

Il Corriere Della Sera\Il Corriere.TV

Realizzazione e montaggio dei servizi video brevi “La Milonga Del Papa Vista Da Un Video

Responsabile di sezione CinemaCritico

Scelta dei contenuti, scrittura di recensioni, approfondimenti specialistici, e articoli, correzione, redazione, impaginazione testi propri e altrui per la sezione L’Angolo Critico (Attivita o settore critica cinematografica, analisi filmica)


Redattore CinemaCritico

Scrittura di recensioni cinematografiche (Attivita o settore critica cinematografica)

Compositore


Route 1 Prod.

Composizione, arrangiamento e produzione di musiche originali per il medio metraggio Magna Istria di Cristina Mantis (Attivita o settore composizione musicale)

Compositore


Teatro Stabile Torino – Cavallerizza Reale

composizione, arrangiamento e produzione delle musiche originali per lo spettacolo La Pelle Di Zigrino regia Dominique Pitoisette (Attivita o settore composizione musicale.

FRANCESCA SANI
Movimento scenico

Trentina di nascita, attualmente residente a Roma, ha vissuto tra Trento, Roma, Milano e Londra.
Laureata cum laude nel 2013 in Arti e Scienze dello Spettacolo, settore teatro, all’Università La Sapienza di Roma, con una tesi sui “Sistemi di produzione della danza italiana nella contemporaneità”, è una freelance della danza e dello spettacolo, con attitudini eclettiche nel campo della creatività.
Ha una formazione non accademica come ballerina in danza classica, contemporanea e modern-jazz in Italia (centri privati a Trento, Milano, Roma) e all’estero (N.Y., San Francisco, Los Angeles, Londra).


Nel 1988 inizia un’intensa carriera professionale, principalmente tra Milano e Roma, come ballerina, collaborando con coreografi come Pilobolus, L. Tommassini, G. Landi, F.Miseria, V. Biagi, etc , soprattutto nel settore dell’intrattenimento. Dal 2001 lavora come assistente coreografa di Luca Tommassini prima e Franco Miseria poi e dal 2003 inizia parallelamente a operare in autonomia come coreografa e insegnante di danza e movimento, in bilico tra stili “commerciali” e una ricerca personale, fortemente influenzata dagli studi di tecniche e stili di danza contemporanei.


È impegnata in produzioni nazionali:
-televisive (RAI, MEDIASET, LA7, SKY). Tra le quali “Pop Star”, “Buona Domenica”, “Festival di Sanremo,” “Domenica In”, “Miss Italia”, “Torno Sabato”, “Luna Park”, “L’Ultimo Valzer”, “Ti lascio una canzone”, etc,
-teatrali con Heather Parisi, Enrico Brignano, Massimo Ranieri, Simona Marchini, Enrico Montesano, Tosca D’Aquino, etc, -musicali con Kylie Minogue a Londra, con Vasco Rossi, con Claudio Baglioni, con Neffa, con Daniele Silvestri, con Danilo Rea, etc.,
-in alcune produzioni cinematografiche e in altri ambiti performativi.


Dal 2001 tiene stages di danza modern-contemporanea in diverse regioni italiane e dal 2007 insegna anche a Roma, stabilmente, presso i centri Duncan3.0, IALS, Mitreo/Laboratorio Danzando, Formazione Bartolomei.
Negli anni collabora alla progettazione e all’ideazione di molti saggi/spettacolo di fine anno e di galà di centri di danza in diverse parti d’Italia.

Dal 2005 al 2008 insegna movimento espressivo a giovani attori presso il TEATROLAB di Bologna diretto da Antonio Albanese e Giorgio Comaschi, sostenuto dalla Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, occupandosi anche dell’ideazione e dell’allestimento di alcuni spettacoli in location non convenzionali bolognesi.


Principalmente attiva nel settore della danza moderna e del movimento espressivo, nel corso degli anni ha considerato altre attitudini creative (recitazione, regia, direzione e consulenza artistica, scrittura, ideazione progetti) e ha sviluppato capacità di tipo organizzativo e gestionale, grazie a un’esperienza maturata sul campo.
Nel 2007 lavora come attrice (oltre che come coreografa) per la sit-com “Hip Hop Hurrà”, prodotta da Disney Channel Italia.

Nel 2011 idea, produce e realizza il video danza “0-one” commissionato dalla Fondazione Ahref di Trento in occasione di IGF Italia 2011.


Il lavoro è stato finalista al festival internazionale di video danza Jumping Frames di Hong Kong 2012 e inserito nella selezione ufficiale di Dance on Camera di New York 2013.
Dal 2012 approfondisce le competenze legate agli ambiti organizzativi, produttivi e di comunicazione, frequentando (a Roma) corsi di alta formazione, seminari e laboratori presso Romaeuropa e 369gradi, Duncan3.0 con il sostegno del Mibac, Dominio Pubblico in collaborazione con Fattiditeatro, Bic Lazio, centro di formazione Cesfor.

Dal 2013 al 2016 collabora con il centro di formazione professionale di Roma FORMAZIONE BARTOLOMEI e con Raffaella Appià (direttrice artistica) come collaboratrice artistica e per la scrittura di progetti per bandi locali e nazionali nel settore formativo, performativo e culturale.
Dal 2013 al 2015 lavora come regista, coreografa e produttrice a un suo personale progetto; Pro°Polis DANCE4YOU, formazione indipendente di danza e performance in location non convenzionali (sospendendo poi l’attività del gruppo per la maternità).


Nel 2016 diventa felicemente mamma di Irene.

Nel 2017 segue il corso di formazione in GYROTONIC EXPANSION SYSTEM® presso il White Cloud Studio di Roma (centro presso il quale opera come trainer) e consegue la certificazione finale di GYROTONIC® Level 1 presso la sede di M ü n s t e r t a l in Germania.
Dal 2017 insegna movimento espressivo presso il centro Action Academy diretta da Nando Moscariello in collaborazione con Maria Grazia Cucinotta e cura l’evento del Gran Ballo di fine anno per i licei dell’istituto scolastico Villa Flaminia, a Roma.

Nel 2018 collabora con Luca Tommassini per il film musicale “Un’avventura” con Laura Chiatti. Regia di Marco Danieli.

ALBERTA IZZO
Musical

Diplomata in danza classica al C.d.c di Alba Buonandi. Frequenta corsi di tip-tap, flamenco, danza contemporanea e modern-jazz.
Nel 2000 si laurea all’I.S.E.F di Napoli.

Nel 2002 entra a far parte del corpo di ballo del musical Bulli e Pupe, regia di F. Angelini, produzione Compagnia della Rancia.
Nel 2003 entra nel cast del musical Hello Dolly con Loretta Goggi e Paolo Ferrari.


Nello stesso anno fino al 2006 interpreta il ruolo della
protagonista femminile nel musical Grease, prodotto
dalla compagnia della Rancia.
Dal 2005 al 2007 interpreta prima il ruolo della
Baronessa Schereder e poi quello della protagonista
femminile Maria nel musical Tutti insieme appassionatamente, regia di Saverio Marconi.


Dal 2007 al 2011 lavora come attrice e soubrette nello show Buonasera di e con Gigi Proietti.
Dal 2007 al 2009 interpreta il ruolo di Daphne nella commedia teatrale Il Divo Garry con Gianfranco Jannuzzo e Daniela Poggi.

Nel 2010 entra nel cast dell’opera drammatica La Strada con Massimo Venturiello e Tosca.
Nel 2013 interpreta il ruolo di Cecilia Valencia protagonista femminile del musical W Zorro di Stefano D’Orazio.


Nel 2015 e’ la voce della luna nello show Brachetti che sorpresa. Nello stesso anno interpreta il ruolo di Amapola, protagonista femminile dell’opera drammatica Polvere di stelle.
Nel 2016 lavora per il Teatro Stabile di Trieste “La Contrada” come coreografa per lo spettacolo “Pronto Mama?!”.
Nel 2017 interpreta il ruolo di Isabella, protagonista femminile nel musical Be Italian, in scena in Paraguay.
Dal 2004 collabora con il Dott. Massimo Borghese come terapista della voce.
Dal 2006 e’ direttrice artistica di corsi di Musical Theatre per ragazzi in varie scuole italiane.

Il contenuto è protetto